• LESTENSORE IL PRESIDENTE
  • N. 01197/2014 reg. Prov. Coll. N. 00938/2014 reg. Ric. Repubblica italiana in nome del popolo italiano IL Tribunale Amministrativo Regionale per IL Veneto




    Download 20.55 Kb.
    Sana10.04.2017
    Hajmi20.55 Kb.

    N. 01197/2014 REG.PROV.COLL.

    N. 00938/2014 REG.RIC.



    REPUBBLICA ITALIANA

    IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

    Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto

    (Sezione Seconda)

    ha pronunciato la presente



    SENTENZA

    ex art. 60 cod. proc. amm.;


    sul ricorso numero di registro generale 938 del 2014, proposto da:
    Carmelo Franco, rappresentato e difeso dall'avv. Massimo Carlin, con domicilio eletto presso Segreteria T.A.R. Veneto in Venezia, Cannaregio 2277/2278;

    contro

    Comune di Teglio Veneto in persona del Sindaco pro tempore, rappresentato e difeso dall'avv. Igor Visentin, domiciliato ex art. 25 c.p.a. presso la Segreteria del T.A.R. Veneto;



    nei confronti di

    Andrea Tamai, rappresentato e difeso dall'avv. Sabina Zaramella, con domicilio eletto presso Segreteria T.A.R. Veneto in Venezia, Cannaregio 2277/2278;



    per l'annullamento

    della determinazione del Sindaco di Teglio Veneto in data 27.5.2014, prot. n. 3148/2014 avente ad oggetto "nomina del responsabile di posizione organizzativa per il settore di staff e per settore tecnico manutentivo" e della nota sindacale 27.5.2014 prot. n. 3161/2014 con la quale il ricorrente è stato informato che il Sindaco, con provvedimento contestualmente allegato, aveva trattenuto in capo alla sua persona la responsabilità dell'area tecnica.


    Visti il ricorso e i relativi allegati;

    Visti gli atti di costituzione in giudizio di Comune di Teglio Veneto e di Andrea Tamai;

    Viste le memorie difensive;

    Visti tutti gli atti della causa;

    Relatore nella camera di consiglio del giorno 10 settembre 2014 il dott. Nicola Fenicia e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

    Sentite le stesse parti ai sensi dell'art. 60 cod. proc. amm.;


    Con il presente ricorso, il Geometra Franco Carmelo impugna la determinazione del Sindaco di Teglio Veneto con la quale quest’ultimo, appena riconfermato nella carica dalle elezioni amministrative ed in apertura della nuova legislatura, ha trattenuto in capo alla sua persona, ai sensi dell’art. 53, comma 23, della Legge 388/2000, la responsabilità del Settore Tecnico-Manutentivo, fino ad allora affidata all’odierno ricorrente.

    Il Geometra Franco Carmelo impugna altresì la nota con la quale il Sindaco lo ha informato della suddetta decisione e lo ha invitato “a sottopormi i provvedimenti che dovrò sottoscrivere e che la S.V. avrà cura di predisporre”.

    Preliminarmente, deve essere affrontata la questione, sottoposta dal resistente e dal controinteressato e comunque rilevabile d'ufficio, dell’esistenza della giurisdizione del giudice amministrativo sulla presente controversia, riguardante un rapporto di lavoro contrattualizzato alle dipendenze della P.A. .

    In estrema sintesi, la giurisdizione va riconosciuta per il caso di contestazione di provvedimenti di organizzazione perché connessi a posizioni di interesse legittimo va, invece, declinata per quelli incidenti su situazioni giuridiche soggettive integrate nel rapporto di lavoro e da ricondurre quindi alla giurisdizione ordinaria (Consiglio Stato, sez. V, 29 aprile 2010, n. 2454; Cassazione SS. UU. 16 febbraio 2009, n. 3677; Cassazione SS. UU. 24 novembre 2010, ord. n. 23781).

    Ciò posto, si ritiene che nel caso in esame la giurisdizione vada declinata con riguardo ad entrambi gli atti impugnati, perché riconducibili alla gestione di una singola posizione lavorativa.

    E ciò vale, evidentemente, per l’invito rivolto dal Sindaco, con la nota del 27 maggio 2014, al dipendente, di predisporre i provvedimenti, inerenti alla gestione del settore tecnico-manutentivo, da sottoporre alla firma del primo.

    E, a ben vedere, anche la determina del Sindaco di conferimento a sé stesso della responsabilità del settore Tecnico-Manutentivo del Comune, è strettamente connessa e prodromica alla predetta disposizione, ed anch’essa, non assume rilevanza organizzativa, non avendo una portata di generale innovazione dell'organizzazione degli uffici e dei servizi e delle macrostrutture, bensì incidendo su di un’unica posizione organizzativa, ovvero quella del settore tecnico-manutentivo, con riflessi immediati sul singolo rapporto lavorativo con l’odierno ricorrente.

    Pertanto, alla luce di quanto sopra rappresentato, il Collegio ritiene che difetti la giurisdizione in capo al giudice amministrativo sulla controversia in esame e che la stessa sia da attribuire al giudice ordinario.

    Per il principio della "translatio iudicii" sono salvi gli effetti sostanziali e processuali della domanda se il giudizio è riassunto davanti al giudice indicato nella pronuncia che declina la giurisdizione entro il termine perentorio di tre mesi dal passaggio in giudicato di detta pronuncia.

    In considerazione della natura della decisione sussistono i presupposti di legge per l’integrale compensazione tra le parti delle spese di causa.

    P.Q.M.

    Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Seconda) definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto,



    dichiara il difetto di giurisdizione del giudice amministrativo, spettando essa al giudice ordinario, presso il quale la causa potrà essere riassunta nel termine perentorio di tre mesi dal passaggio in giudicato della presente pronuncia.

    Compensa le spese di lite.

    Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.

    Così deciso in Venezia nella camera di consiglio del giorno 10 settembre 2014 con l'intervento dei magistrati:

    Oria Settesoldi, Presidente

    Giovanni Ricchiuto, Referendario

    Nicola Fenicia, Referendario, Estensore

     







     







    L'ESTENSORE




    IL PRESIDENTE

     







     







     







     







     







    DEPOSITATA IN SEGRETERIA

    Il 11/09/2014



    IL SEGRETARIO

    (Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)
    Download 20.55 Kb.




    Download 20.55 Kb.

    Bosh sahifa
    Aloqalar

        Bosh sahifa



    N. 01197/2014 reg. Prov. Coll. N. 00938/2014 reg. Ric. Repubblica italiana in nome del popolo italiano IL Tribunale Amministrativo Regionale per IL Veneto

    Download 20.55 Kb.